martedì 19 giugno 2018

Il profumo di giugno

Questo mese di giugno, ormai rivolto verso l'estate, ha il profumo pulito della lavanda


e quello dolcissimo del gelsomino


e, ancora, quello intenso dei fiori dell'arancio e del limone, orgoglio del sig. Darcy. 


Sa di un bambino che non è più un Pulcino e nemmeno una Pulce e si avvia verso l'avventura nuova delle scuole medie; profuma anche di fragole, di erbe aromatiche e di temporali improvvisi....


Ma ha anche l'odore  di disinfettante, di paura e  di malattia dei corridoi di un ospedale, percorsi a passo spedito per tenere a bada la tensione ....

Non c'è tempo per cucinare e scrivere, per fotografare e pensare; c'è giusto il tempo da condividere con chi mi è vicino e, ancora una volta, condivide con me preoccupazioni e ansie; c'è appena il tempo per cogliere, nonostante tutto, qualche attimo di bellezza, per sentire sul pullman che mi riporta a casa alla sera e sa di polvere e di adolescenti, il profumo dell'erba appena tagliata .....



mercoledì 25 aprile 2018

Fuori stagione


Questa improvvisa esplosione di estate ha colto tutto di sorpresa: il guardaroba ancora ingombro di giacche pesanti, la Pulce che reclama a gran voce i pantaloni corti, il balcone dove, al posto dei fiori, fanno bella mostra di sè gli aggeggi da arrampicata del signor Darcy, che si è regalato un pomeriggio in solitaria  e la mia dispensa con una bella zucca e qualche  mela renetta, ormai un po' raggrinzita...

Cosa fare della zucca non ho ancora deciso, ma le renette  sono finite nella più classica tra le  torte di mele che fanno parte della tradizione di famiglia-

Certo una ricetta un po' fuori stagione, ma di torte con le fragole in questo periodo sono stracolme tutte le cucine virtuali....



Torta di mele della signora  J.


Ingredienti


4 mele renette
250 grammi di farina bianca 00
150 grammi di zucchero
100 grammi di burro
3 uova
la scorza grattugiata di un limone non trattato
1 bustina di lievito per dolci
latte q.b.

Procedimento


Sbucciare le mele, dividerle in quarti, eliminare torsolo e semi e  tagliarle a fettine di circa mezzo cm di spessore.
Fondere il burro a fuoco dolcissimo e, quando è tepido, mescolarlo in una ciotola ampia con lo zucchero, la scorza grattuggiata del limone e un pizzico di sale. Unire poi i rossi d'uovo e mescolare bene, fino ad ottenere una crema. Aggiungere la farina a cucchiaiate, mescolando bene per non formare grumi e aggiugendo un po' di latte per ammorbidire l'impasto. Unire il lievito mescolato a un po' di farina e poi, gli  albumi montati a neve.


Versare l'impasto in una tortiera imburrata e cosparsa di pan grattato o di biscotto grattugiato e poi immergere nell'impasto ( che è piuttosto cremoso) le fettine di mele a raggiera: sono tante e finiscono con l'essere molto vicine, ma va bene così....


Infornare nel forno già caldo a 180 - 200 °  e cuocere per circa un'ora: essendo morbido l'impasto e molta la frutta la torta impiega parecchio a cuocere...
Lasciar raffreddare e decorare eventualmente con una spolverata di zucchero a velo (che io ometto sempre).


Nota a piè di pagina n. 1: la signora J. era una collega di mia madre e il suo cavallo di battaglia era questa torta morbidissima  e ricca di frutta

Nota a piè di pagina n. 2: il glicine in fiore - ahimè - non è mio.... lo vedo in queste mattine lungo la strada che io e la  Pulce percorriamo nella nostra passeggiata mattutina... non ho resististo alla tentazione di fotografarlo----