martedì 5 giugno 2012

il sogno può bastare se le api sono poche





Per fare un prato occorrono un trifoglio ed un’ ape -
un trifoglio ed  un'ape
e il sogno.
Il sogno può bastare
se le api sono poche. 

Emily Dickinson
Dopo  il precedente fine settimana trascorso tra rulli e pennelli, scale da imbianchino e scatoloni di libri, dopo un susseguirsi di serate dedicate a ridare alla nostra casa fresca di bucato, un'apparenza  di ordine, dopo un sabato trascorso avvolta nel vapore del ferro da stiro,  sognavo una domenica  di sole e di azzuro e un pranzo all'aperto,  invece fin dal mattino il cielo è stato imbronciato. Io però  ormai mi ero affezionata al mio  sogno,  quindi niente pic nic sul prato, ma intorno al tavolo e in mancanza delle api, qualche coccinella .....


 Torta alle ciligie



Ingredienti

per la pasta
250 grammi di farina
2 uova
130 grammi di burro
15 grammi di zucchero
2 cucchiaini da caffè di lievito di birra secco 
(un po' più di mezzo cubetto di lievito fresco)
4 cucchiai di latte tiepido
1 pizzico di sale

per il ripieno
350 grammi di ciliegie
2 uova
120 grammi di zucchero
150 grammi di latte
200 grammi di ricotta
1 stecca di vaniglia
3 cucchiai di farina

Procedimento


Sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido con un pizzico di zucchero; copriere e lasciar riposare in un posto riparato per una decina di minuti.
In una tazza sbattere energicamente le uova; in una terrina mescolare la farina col sale e lo zucchero; versare al centro le uova sbattute e la miscela di latte e lievito; mescolare  e unire il burro ammobidito; impastare fino ad ottnere una pasta liscia, lucida ed elastica, aggiungendo eventualmente un po' di farina. Coprire con un canovaccio e lasciar lievitare per un paio d'ore circa (o comunque fino a che è raddoppiata di volume).


Portare fino al punto di ebollizione il latte con la stecca di vaniglia e lasciar poi raffreddare.Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema giallo chiaro, unire la ricotta e amalgamare bene e, infine, aggiungere il latte (dopo aver tolto la stecca di vaniglia) e la farina setacciata.
Stendere la pasta nella tortiera imburrata e cosparsa di pan grattato, facendo in modo che la pasta rivesta i bordi della tortiera stessa; versare la crema e distribuirvi le ciliegie (snocciolate se si ha pazienza, altrimenti intere, avendo l'accortezza di informare i commensali che c'è il nocciolo!).

 
Infornare a 200° per i primi 20 minuti, poi abbassare a 160° - 180° (dipende dal forno) e lasciar cuocere ancora un buon tre quarti d'ora.

Nota a piè di pagina n. 1: La torta,  che a me piace molto per la cremosità ed il profumo  della pasta lievitata che si mescola a quello della vaniglia, nella ricetta originale è molto più .....ricca. Io semplifico, da un lato per  facilitarmi la vita  e, dall'altro, per evitare che il girovita si allarghi oltre misura: la ricotta infatti dovrebbe essere panna, il burro dovrebbe essere quasi 2 etti, le uova  del ripieno dovrebbero essere tre e il ripieno stesso dovrebbe essere preparato come una crema pasticciera ....... 
 
Nota a piè di pagina n. 2: non cercate di abbreviare i tempi di cottura come ho fatto io le prime volte , scgliendo temperature più alte, altrimenti il centro della torta rimane  della consistenza di una crema ( buono, per carità, ma non bello da vedere) e il bordo si sbruciacchia.

Nota a piè di pagina n. 3: Non abbiamo ciliegi  e comprare le ciliegie per fare un dolce sembra (e forse è) uno spreco, visti i prezzi, ma questa torta è tanto buona che - almeno una volta all'anno - questa pazzia mi sembra lecita...















:

23 commenti:

  1. Risposte
    1. Provala, è anche buona e profumatissima!
      Claudette

      Elimina
  2. Mi piacciono molto le tue semplificazioni, rendono sicuramente il dolce più leggero!
    Già, la note dolente è il costo quasi proibitivo delle ciliege... però sono d'accordo con te, non le compriamo sicuramente tutto l'anno e sono un frutto talmente squisito che una piccola follia ci sta... eccome!
    Qui, a parte la giornata piovosa di lunedì, sembra (e dico sembra) che il tempo si sia messo a posto...

    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che sei d'accordo con me negli alleggerimenti (ci voglioni in cucina e nella vita, dove possibile!) e nella necessità di piccole follie che illuminino anche le giornate piovose (qui è tornato grigio !)
      Claudette

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sono quelle del mio aiutante! Quando riesco a cucinare con calma, al sabato e alla domenica , mi piace che pasticci con me: per lui è un gioco, per me un modo per vederlo crescere...
      A presto, Claudette

      Elimina
  4. Concordo, utilizzare le ciliegie per un dolce anche a me sembra una follia, del resto anche Emily, che tu citi molto proprio a fagiolo, era un po' folle, ma ha fatto delle gran cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io ti rispondo proprio con le parole della folle (per lo meno un po' strana) Emily : "Molta follia è divino buon senso
      per chi sa vedere. Molto buon senso, completa la follia......"
      A presto, Claudette

      Elimina
  5. ciao! sono stata attirata dal titolo del tuo blog!
    questa torta mi ha già convinta e mi sono subito unita tra i tuoi lettori!
    a presto,
    vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto benvenuta nella mia cucina e poi auguri per il tuo anniversario di matrimonio e complimenti per il tuo blog , al quale mi sono già unita, conquistata dalle tue foto e dal tuo amore per la musica (non suono nessuno strumento e sono vagamente stonata, ma sono cresciuta con la voce della Callas come colonna sonora)
      Ti aspetto presto
      Claudette

      Elimina
    2. La Callas e' la diva e musa della musica, dici poco? Grazie anche a te per la visita. Sarà bello seguirti :-)

      Elimina
  6. Nel paesino dove abito non c'è assolutamente nulla, i pochi negozi sono ridotti all'essenziale, farmacia, parrucchiere, discount, edicola e poco più, ma c'è una cosa meravigliosa...gli alberi da frutto per la strada, in questa stagione mentre passeggi puoi mangiare more del gelso, ciliegie, prugne. Si tutto un po' selvatico però buono. Insomma tutto sto discorso per dire che ho un cesto pieno di ciliegie e potrò fare la tua torta che mi sembra veramente una delizia.
    Rispondo alla tua domanda: lo sciroppo di mais lo trovi da Naturasì, negozi di prodotti biologici e nelle erboristerie che vendono anche gli alimentari.
    Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Eli il tuo paesino è già una metropoli rispetto al mio se ci sono il discount e il parrucchiere (guarda il mio post del 23 maggio ...)
      Ma hai ragione sugli alberi da frutto e le more del gelso sono un privilegio per pochi!
      Claudette

      p.s. Grazie per la dritta sullo sciroppo di mais

      Elimina
  7. Adoro le ciliegeeeeee!!!! E la torta m'ispira un sacco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che la stagione delle ciliegie sia breve e che le ciliegie non siano proprio economiche, perchè sono buone al naturale e nei dolci danno risultati meravigliosi!
      Claudette

      Elimina
  8. Che squisitezza.
    Approposito sai che anch'io ho ancora il MANUALE DI NONNA PAPERA e
    anche quello dellle giovani marmotte, sono preziosissimi.
    Buona domenica
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il merito di avermi fatto riscoprire il Manuale di Nonna Papera è di Sabrine di Fragole a Merenda .
      Grazie a lei e ad un'amica bibliotecaria sono riuscita a recuperlo e adesso me losto rileggendo.
      Il Manuale delle Giovani Marmotte, invece, era di mio fratello: adesso è sullo scaffael più alto della libreria della cameretta in attesa che venga utile a mio figlio: chissà se lo apprezzerà?
      Ciao, Claudette

      Elimina
  9. Che bella ricetta,assolutamente da provare.
    Grazie.

    RispondiElimina
  10. Che splendida ricetta: mi piace un sacco come l'hai fotografata, no è affatto semplice farlo e tu ci sei riuscita come una perfetta foodblogger!!! Bravissima: ora me la segno nella lista delle "Cose Da Fare" :)
    Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia lista delle cose da fare è lunghissima: cose belle e cose buone....
      Grazie dei complimenti per le foto: sto scoprendo adesso, grazie al blog, che mi piace fotografare anche se i risultati sono spesso più frutto del caso o della buona sorte che dell'abilità!
      A presto, Claudette

      Elimina
  11. Omammamia omammamiaaaaaa.....una di quelle torte che vorresti fare subito appena adocchiata. Adoro l'idea della crema che ci cuoce all'interno di un composto morbido e non il solito guscio. Questa preparazione è stupenda e le tue spiegazioni sono veramente eloquenti. Credo che preso, prima che le ciliegie finiscano, questa meraviglia sarà mia! Grazie per la condivisione Claudette. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  12. Davvero una delizia!!
    grazie mille per la dritta!
    ps. anche io avrei cercato di renderla meno grassa dell'originale..!

    RispondiElimina