domenica 28 luglio 2013

Provenza casalinga




 Fino all’anno scorso, la domanda di mio marito, in questo periodo, era sempre la stessa: "Che cosa vuoi fare della lavanda, quest'anno" ? E sempre la stessa era la mia risposta “La tagli, la leghi a mazzi, li avvolgi nella carta e li appendiamo alla trave in solaio ad essiccare e poi... poi quando avrò tempo, la sgranerò e la metterò nei sacchettini per la biancheria.....”
Ogni anno, nessun commento al mio ordine, ma un sorrisino ironico  e un’occhiata sbieca da parte dell’obbediente marito, perchè, una volta essiccata la lavanda, io mi sono sempre dimenticata  di sgranarla e –  non ridete ! - è sempre toccato a lui farlo, pur di liberare il solaio dai mazzetti penzolanti. Messa di fronte al fatto compiuto della lavanda sgranata, non mi sono invece mai sottratta al compito di riempire i sacchettini: alcuni ricamati che risalgono ai tempi antichi, altri confezionati utilizzando imparaticci e primi esperimenti di ricamo, altri ancora cuciti da mia madre usando la stoffa delle fasce da neonato dei tempi che furono.
Ma quest’anno non ci saranno mazzi di lavanda appesi in solaio, nè spighe profumate da sgranare perchè un vento impetuoso, lo scorso febbraio,  ha sradicato il rigoglioso cespuglio, animato in estate dal costante brusio delle api, che era la versione casalinga e mignon dei meravigliosi  campi di lavanda della Drôme provenzale, tra i quali abbiamo navigato nel torrido inizio del luglio  2006, ospiti di  Madame DD.
Madame,  amica di famiglia, insegnante di italiano, appassionata  lettrice delle avventure del Commissario Montalbano, innamorata dell'Italia dove ogni anno si concede, con il marito, un paio di viaggi alla scoperta di tesori spesso sconosciuti ai turisti,  nonchè fortunata padrona di una splendida villa nella campagna provenzale  - una di quelle ville in pietra chiara, con  persiane azzurre,  pergolato ombreggiato e fresco sotto cui pranzare -  non vince però medaglie come cuoca, privilegiando piatti semplici  che le consentono di avere a tavola, senza  troppo spadellare,  la numerosa schiera di figli e nipoti, dei quali lei stessa dice di aver quasi perso il conto o gli amici, compresi quelli in arrivo dall'Italia, che la trovano sempre disponibile ed ospitale.
In compenso Madame aveva  regalato a mia madre un libro di cucina, che io, giovane sposa al momento del regalo, ho requisito, prima per il piacere di guardare le immagini, e, poi,  alla ricerca di idee nuove, come questa:

TORTA SALATA ALLE MELANZANE E AI POMODORI
(di seguito la mia versioneovviamente alleggerita rispetto a  quella originale, che riporto più sotto)

 Ingredienti

per la pasta
250 grammi di farina bianca
80 grammi di ricotta
60 grammi di burro
acqua ghiacciata
sale

per il ripieno di melanzane
2 melanzane rotonde
(ma come vedete dalle immagini, se ne avete anche di altro tipo, vanno bene lo stesso,
basta che siano "polpose")
2 di spicchi d'aglio
2 cucchiai di olio
qualche rametto di timo o di origano
1 uovo
2 cucchiai di grana grattuggiato
250 grammi di ricotta (circa)
sale

per i pomodori
una ventina  di ciliegini abbastanza grossi
timo e/o origano
uno o due  spicchio di aglio
2 cucchiai di olio

Procedimento

Preparare la pasta secondo la ricetta della pasta brisè: questa è ovviamente un po' più magra e l'involucro della torta salata sarà  un po' meno friabile e un po' più gommoso.
Mentre la pasta riposa (se avete tempo di lasciarla riposare, altrimenti organizzate il lavoro come meglio vi pare), lavare le melanzane, togliere il "cappellino" e tagliarle a metà nel senso della lunghezza.Spennellare con un po' di olio la superficie di ciascuna metà melanzana ed inciderla  in modo da formare una griglia a losanghe, inserire i rametti di timo e di origano  e l'aglio tagliato a fettine (procedimento più rapido di quello previsto dalla ricetta e ispirato da Sabrine). Mettere le mezze melanzane in una pirofila rivestita di carta da forno con un cucchiaio di acqua e infornare a 200° fino a che non saranno diventate morbide.
In una ciotolina mescolare un paio di cucchiai di olio, sale e lo spicchio d'aglio tagliato a fettine; lavare e tagliare a metà i pomodorini, disporli in una piccola pirofila con la polpa verso il basso, condirli con l'olio e l'aglio preparati prima, sale e le erbe aromatiche e metterli in forno, dove già stanno cuocendo le melanzane, per una mezz'ora, facendo attenzione che non si brucino.
Quando le melanzane sono morbide, eliminare i rametti di timo, l'aglio e sbucciarle e passare la polpa con il triatatutto fino ad ottenere una purea omogenea. Se la polpa risulta troppo bagnata la si può eventualemnte far asciugare un po'  con un rapido passaggio in padella. Quando la purea di melanzana è raffreddata unire la ricotta , l'uovo, un paio di cucchiai di grana e aggiustare eventualmente di sale.

Stendere la pasta e rivestire la teglia (di solito io ne uso una quadrata) spennellata di olio e cosparsa di pane grattuggiato. Versare nel "guscio"  il ripieno di melanzana , livellarlo bene e riepiegare i bordi della pasta e informare a 200° per un buon tre quarti d'ora o comunque fino a che i bordi della torta sono ben coloriti.
Infilzare i  mezzi pomodorini con uno stuzzicadenti e disporli ordinatamente sulla torta. Tagliare a riquadri e servire tiepida.



 Ecco cosa prevede la ricetta originale:
- pasta brisè con 175 grammi di farina, 75 grammi di burro, 1 tuorlo d'uovo ed insaporita con  60 grammi di gruviera grattuggiato,  mezzo cucchiaino da caffè  di paprika doce (sconosciuta nella mia cucina) e  mezzo cucchiaino da caffè di senape (che mio marito non ama); il guscio  di pasta viene cotto in bianco
-ripieno di melanzane:  niente ricotta, ma  3 uova (!), mezzo cucchiaino da caffè di paprika dolce,  e mezzo cucchiaio di origano secco; le melanzane  devono esser bucherellate con una forchetta e fatte cuocere prima in forno per 45 minuti e poi, tagliate in pezzi, nel microonde per una decina di minuti (strumento irreperibile nella mia cucina low-tech). Tutti gli altri ingredienti o (aglio, paprika etc) sono frullati nel ripieno.
-  pomodori: cottura in forno per 2 ore a 160° (francamente mi sembrano un po' troppe!!)


Nota a piè di pagina n. 1 : Il libro è "Délicieuses tartes sucrées et salées" di Maxine Clark, lo stesso da cui viene quest'altra torta salata.

Nota a piè di pagina n. 2: perchè 250 grammi di farina contro i 175 della ricetta? perchè è la dose giusta per la mia tortiera quadrata . Perchè 250 grammi circa di ricotta? perchè ho trovato una ricotta non troppo bagnata  venduta in confezioni "a peso" tra i 300 e i 350 grammi. Quindi la ricotta che avanza dalla preparazione della pasta, finisce nel ripieno.

Nota a piè di pagina n. 3: Ora, lo so he una una ricetta così fa spavento in questi giorni di temperature torride che a me ricordano proprio quelle dell'inizio luglio 2006  (la villa di Madame però è corredata di piscina...), ma, in realtà, la torta è stata infornata la scorsa settimana, quando accendere il forno anche dopo l'alba era cosa possibile.

Nota a piè di pagina n. 4:  la piccola piantina di lavanda che ho comprato, ha prodotto qualche spighettina rachitica, insufficiente sia per i sacchettini profumati, sia per sperimentare un paio di ricette che mi incuriosiscono, lette  qui e qui da Michela, la quale  a sua volta ha preso ispirazione da Sabrine (qui e qui ). E tanto più curiosa perchè anni fa una carissima amica mi ha portato proprio dalle sue vacanze provenzali un miele alla lavanda che non sono riuscita a usare in nessun modo perchè mi sembrava di avere in bocca una scaglia di una saponetta  profumata ....






12 commenti:

  1. Il tuo post è un incanto!
    incantevole il racconto della dolce signora provenzale, incantevoli i campi di lavanda e la ricetta, la tua versione decisamente "migliorissima" (il neologismo è d'obbligo)

    p.s., ma che vento tirava? Per sradicare la lavanda che notoriamente è una piantaccia robusta eheheheheheh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica pecca del libro francese è l'uso smodato in ogni ricetta di uova e panna, in quantità industriale. Io cerco di alleggerire...
      Quanto al vento, ti dico anche la data esatta: sabato 2 febbraio 2013.
      Claudette

      Elimina
  2. Ciao Claudette,
    che storia suggestiva e magnifica ricetta, io che amo le torte salate non potrò far altro che riproporla alla prima occasione.
    Mi sono aggiunta ai tuoi lettori,
    a presto.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nella mia cucina, cara Cri!
      Anch'io sono una patita delle torte salate e sono sempre alla ricerca di ricette nuove; la tua con le patate e l'acciughina (uno degli amori di mio marito) è nella lista di quelle da provare.
      A presto, Claudette

      Elimina
  3. Che aspetto godoriusissimo!!!

    RispondiElimina
  4. tesoro, i tuoi post sono sempre così belli! e anche le tue ricette.... se vieni a trovarmi la lavanda sgranata te la regalo io... ne ho siepi intere!
    un bacio
    Sandra

    RispondiElimina
  5. Non c'è niente di meglio che un sacchettino di lavanda per profumare la biancheria...
    In Provenza ci siamo stati anche a noi in un luglio di qualche anno fa e ho ancora negli occhi i colori e i profumi dei campi di lavanda. Hai avuto una grandissima fortuna ad essere ospitata in una tipica villa provenzale, deve essere stato molto romantico.
    E questa torta ha tutto, ma proprio tutto dei sapori che piacciono a me.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  6. Guardando e belle immagini di questo post mi sento in Provenza, un luogo che mi affascina molto ma che non ho ancora avuto l'occasione di visitare.
    Che dire della torta salata: una tentazione... a cui non resisterò!! Proverò la tua versione, che si avvicina più ai miei gusti e poi ti farò sapere!
    Buon inizio agosto

    RispondiElimina
  7. Ciao cara,
    quanto mi piace il tuo modo di raccontare le ricette che ci presenti, questa poi sembra davvero invitante.
    Per quanto riguarda la mia lista, mi ha fatto piacere il tuo commento, perchè, non ti nascondo che non mancano neanche qui quei momenti d'inquietudine, ma poi sta a noi cercare di sforzarci di risollevarci e apprezzare le piccole cose della vita quotidiana. Prova a fare anche tu una lista, giorno per giorno, inizialmente non sarà facile, ma poi ti sarà naturale soffermarti su ciò che conta veramente, su ciò che ti dà serenità... un piccolo esercizio per essere felici, te lo dice una che è caratterialmente tendente a vedere il bicchiere sempre vuoto, ma che si sta sforzando di essere una persona migliore...
    grazie per essere passata da me,
    ciao,
    Amalia

    RispondiElimina
  8. Sono bellissime le foto che ci proponi e altrettanto bella la tua torta salata. Amo la coppia melanzane e pomodori :)
    Ti seguo con piacere e ti invito a passare anche da me per conoscerci e chiaccherare. A presto :)
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Che foto...
    Amo la Provenza...ho passato meravigliose vacanze in ogni momento dell'anno lì....
    col tuo bellissimo post sono tornata a quelle vacanze...mi hai fatto venir voglia di ripartire subito!!!
    Quei campi di lavanda sono indimenticabili...
    La torta che hai proposto mi piace molto, appena raccolgo gli ingredienti nell'orto (devono crescera ancora un po')
    la provo e poi ti dico!!!!

    A presto
    monica

    RispondiElimina